Cantieri Koreja, il perché della scelta pro Puglia Loves Family

Aderire al marchio Puglia Loves Family comporta delle scelte precise, di gestione degli spazi e di dotazione strutturale, illustrati nel dettaglio nei disciplinari varati dalla Regione Puglia. I Cantieri Teatrali Koreja hanno accolto questa sfida, scritta già in larga parte nel DNA di questa istituzione teatrale pugliese, con lo spirito di fornire un servizio ancora più completo all’universo delle famiglie che ama il teatro e vuole che sia un momento condiviso con i più piccoli.

Quali sono i motivi principali per uno Stabile d’Innovazione come i Cantieri Teatrali Koreja nell’aderire a Puglia Loves Family?

Un angolo del foyer del Teatro Koreja

Koreja rappresenta un contesto culturale in cui la condivisone ruba spazio alla competizione; in cui il conflitto diventa strumento di cambiamento. Un luogo di non giudizio in cui grandi e piccoli possono confrontarsi. Si lavora ogni giorno – spiegano dalla direzione dello Stabile – per migliorare uno spazio che permetta di esprimere pensieri ed emozioni in modo più immediato e che avvicini gli adulti ai ragazzi, anche attraverso i servizi offerti. Ed è con questo spirito che Koreja riunisce, da sempre, le famiglie e propone loro percorsi e progetti educativi da realizzare attraverso lo strumento espressivo del teatro, attraverso la visione degli spettacoli e il gioco condiviso, senza tralasciare momenti di approfondimento che stimolino domande e sviluppino spirito critico. Il teatro cerca di smuovere interrogativi. Le esigenze dell’infanzia e le possibilità educative della famiglia si intrecciano in un legame che diventa fonte di crescita per l’una e occasione di rigenerazione per l’altra. Lo sguardo dei più giovani si è rivelato un alleato prezioso per il teatro, portatore di domande che incrinano le certezze degli adulti. Quando arrivano nel foyer accompagnati dai loro genitori, i ragazzi sovvertono ogni cosa, tutto quello che è stato programmato e pensato, ma è proprio questo a completare la partitura. Questa è esperienza, e come tale non ha nulla di certo; perché il teatro, come una famiglia, è un micro mondo, un luogo nel quale si compie un’esperienza. Per questo, dopo più di trent’anni dedicati ai giovani e ai loro genitori, il marchio Puglia Loves Family rappresenta un importante riconoscimento. Dal 2015 koreja è riconosciuta, da parte del ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, centro di produzione teatrale di sperimentazione e di teatro per l’infanzia e la gioventù.

I Cantieri Teatrali Koreja sono una realtà culturale del Salento e della Puglia da oltre trent’anni: avete sempre lavorato con i bambini e per le famiglie: ma cosa può darvi il marchio Puglia Loves Family in più nel quotidiano lavoro attraverso il Teatro?

Per Koreja, il rapporto con il mondo della famiglia non è solo di natura culturale. È invece quello dello scambio e della condivisione di un credo pedagogico che vede nel teatro il luogo dove assaporare la crescita dei giovani. I Cantieri Teatrali Koreja sono officina di creatività e, al tempo stesso, luogo sicuro, protetto e interamente accessibile dove trovare tutto quello che può fare “casa”. Nel tempo dell’imbarbarimento dei rapporti umani e della chiusura del proprio spazio cognitivo dentro la bolla mediatica dei social, il teatro ha ancora l’ambizione di coltivare una comunità libera e consapevole, capace di porre le giuste domande alla contemporaneità. 

Il disciplinare per le strutture culturali prevede 12 indicatori obbligatori e 9 facoltativi. I Cantieri Teatrali Koreja su quali ha dovuto implementare nuove risorse? Cosa invece era già strutturato per aderire al disciplinare di Puglia Loves Family?

“Eravamo già pronti ad offrire quello che il disciplinare richiedeva. Abbiamo solo introdotto  – concludono dalla direzione del Teatro Koreja – una tariffa under 16 nel serale, già programmata vista la “nuova generazione” di giovanissimo pubblico che dagli spettacoli della domenicale è passata a vedere il serale”.